Molti animali domestici hanno la fortuna di poter trascorrere una parte della loro giornata liberi fuori senza la compagnia dei padroni umani, magari godendo di uno spazio sicuro, come un giardino o un cortile, con il conseguente problema del rientro in casa. La cosa è relativamente più semplice per i felini, alcuni dei quali possono sfruttare la presenza di gattaiole appositamente collocate nelle porte per consentire rapide uscite e graditi e semplici ritorni, ma per i cani il problema è più serio, e le richieste di uscita o di rientro del migliore amico dell’uomo si traducono spesso nell’abbaiare o nel grattare insistentemente la porta, spesso danneggiandola. Per evitare questi problemi è stato recentemente messo in commercio il cosiddetto “campanello canino“, uno strumento sonoro che il nostro animale domestico può utilizzare per richiedere al proprio padrone di essere fatto entrare o uscire ogni volta che ne ha voglia, senza rovinare porte o stipiti con il grattamento insistente e senza disturbare padroni e vicini con un continuo abbaiare. L’esemplare più famoso di questa tipologia di accessori si chiama Pet Chime ed è rappresentato da un grosso bottone a forma di orma canina che emette un suono ogni volta che viene sfiorato; posto vicino alla porta o fissato al muro ad altezza di zampa questo accessorio può essere un semplice strumento con cui il nostro animale domestico può avvertirci del suo desiderio di entrare o uscire da casa. Senza fili ed alimentato a batterie, il campanello per cani Pet Chime sta avendo un eccezionale successo negli Stati Uniti, dove viene venduto con un prezzo inferiore ai 20 dollari, ma non è l’unico esemplare. Esistono, infatti, numerose e differenti tipologie di questo accessorio in grado di rispondere alle diverse esigenze di cani e padroni, ma tutte con un comune duplice scopo: rispettare la volontà e la libertà dell’animale ed evitare danni alle porte e fastidiosi rumori. Insegnare poi al nostro amico a quattro zampe ad usare questo strumento sarà meno difficile di ciò che pensiamo, vista la capacità di apprendimento e di simulazione che i cani in particolare hanno per loro natura. Se non funziona questo campanello, resteranno da provare le chiavi di casa!