Non sempre è necessario fare il bagno al nostro piccolo cucciolo di casa. Ma se l’animale vive in casa con noi ed è uso salire su letti e divani, o se ci sono in casa dei bambini che vi entrano in stretto contatto, una pulizia un po’ approfondita si rivela necessaria. Se non vogliamo portarlo dal toelettatore possiamo fare da noi, vediamo come.

Innanzitutto attrezziamoci con guanti resistenti, uno o più asciugamani che siano funzionali ad asciugare l’acqua che via via il nostro fido spargerà ovunque, e soprattutto per iniziare ad asciugare l’animale subito dopo che abbiamo finito. È buona abitudine che il cane abbia un proprio corredo di asciugamani e spugne. Nella prima fase di lavaggio è indispensabile anche munirsi di una spazzola -da scegliere a seconda del tipo di pelo del nostro cane- che ci aiuti a levare via i peli morti e cadenti. Una volta predisposto il tutto, prepariamoci alla fase più delicata: mettere fido nella vasca! L’operazione è tanto più complicata quanto grande è il cane. L’importante, come sempre quando si impartisce un ordine al nostro animale è restare fermi e credibili nelle nostre imposizioni, ma al tempo stesso saperlo ricompensare con un piccolo premio, se ci ascolta, e rassicurarlo con carezze e grattini. Altra operazione da compiere prima di aprire l’acqua, è proteggere le orecchie del nostro cucciolo, con ovatta o carta igienica: le orecchie sono una parte molto delicata dell’animale, che non protetta potrebbe causargli dolorose otiti. È il momento di aprire l’acqua: essa deve essere tiepida e toccare il cane prima nelle zampe posteriori, poi nel tronco, infine nella testa. La stessa sequenza deve essere seguita per l’insaponatura (fatta naturalmente con un prodotto specifico) e per il risciacquo. Una volta che sarà bel lavato e profumato, non resta che asciugare il nostro fido: teniamoci pronti alla scrollata che si farà in autonomia e con pazienza iniziamo ad asciugarlo prima con l’asciugamani e poi con il phon usato a una temperatura e a una velocità medio-basse in modo da non scottarlo. È bene ovviamente non indirizzare il getto direttamente in zone sensibili (occhi, orecchie, bocca). Possiamo completare l’operazione con un profumo specifico per cani.