La pulizia di un cane è un punto fondamentale del suo addestramento. Il miglior amico dell’uomo infatti non è in grado infatti di provvedere autonomamente alla propria igiene, almeno non del tutto, e spetta al suo padrone fargli accettare d’essere lavato.

Il bagno è uno dei momenti migliori per creare un rapporto con il proprio cane. Inoltre lavarlo è l’unico modo per rendersi conto autonomamente del suo stato di salute. Di certo il suo grado di pulizia non sarà mai pari al nostro, ma sapremo d’aver fatto il nostro dovere quando avremo con attenzione lavato il suo pelo e la pelle, spazzolato i denti e fatto un controllo accurato di zecche e pulci.

Pelo:
Prendersi cura del pelo del proprio cane è essenziale, soprattutto se si tratta di esemplari a pelo lungo. In questo caso occorre utilizzare un normale pettine a denti larghi, mentre nel caso di cani a pelo corto sarà necessario procurarsi delle apposite spazzole. Per evitare che il pelo del proprio cane sia colmo di polvere, terriccio o altro, sarebbe buona abitudine spazzolarlo ogni giorno, così da eliminare i residui posti in superficie, rendendo così meno arduo il lavaggio.

Denti:
Molti veterinari consigliano di spazzolare i denti del proprio cane due volte al giorno. In questo modo si aiuterà l’animale ad avere gengive più sane, denti più forti e, non meno importante, un alito più sopportabile. E’ un errore pensare di poter usare lo stesso dentifricio che usiamo noi, o anche lo stesso tipo di spazzolino. Meglio recarsi in un qualunque negozio di animali e fare scorta di materiali adatti.

Zecche e pulci:
Durante il bagno occorrerà prestare massima attenzione alle orecchie, al collo ed allo stomaco. Infatti è qui che maggiormente possiamo trovare zecche o pulci, che dovranno essere rimosse con delle particolari pinzette.

Orecchie:
Per eliminare i batteri siti nelle orecchie basterà utilizzare un’apposita soluzione, acquistabile in ogni negozio di animali, che andrà applicata nella parte interna della cavità, quella dunque che non presenta pelo.