L‘American Veterinary Medical Association ha prima di tutto chiarito che non ci sono casi conclamati di cani, ed in generale di pets, cha hanno contratto il virus dell’ebola, nemmeno nelle zone dell’Africa più colpite dalla terribile malattia (ma nonostante ciò un cane in Spagna, senza la certezza che fosse infetto, è stato abbattuto).

cane ebola

Nonostante questo, però, è la stessa associazione americana dei veterinari ad invitare caldamente i proprietari dei cani a prendere delle precauzioni e soprattutto ad indicare i comportamenti da attuare nel caso in cui ci fosse il pericolo di un pet in circolazione dopo che è stato a contatto con un malato di Ebola.

 

Secondo le linee guida indicate un animale a rischio ebola deve essere messo subito in quarantena, in un luogo sicuro e completamente isolato. Inoltre deve essere spogliato di tutto ciò che indossava, come collari o cappottini, che devono essere eliminati.
Purtroppo, secondo quanto dichiarato dai veterinari americani (e ripreso dal Time) un pet che ha contratto il virus Ebola dovrebbe essere abbattuto.