Per il terzo anno consecutivo, torna la campagna di food raising “Friskies Gli Inseparabili”: doniamo insieme un milione di pasti ai cani e gatti ospiti dei rifugi ENPA.

Per tutto il mese di Settembre e Ottobre, ogni 5 confezioni di prodotti vendute Purina Friskies donerà 1 pasto ai canili e gattili gestiti dall’ENPA.

Scopri in tempo reale quanto abbiamo raccolto finora!

La generosità vince!

Tra il 2014 e il 2015, grazie alla generosità degli italiani, la campagna ha raggiunto l’obiettivo di 2 milioni di pasti donati, assicurando un’alimentazione completa a circa il 30% dei pet ospitati nei rifugi. Scopri in questo video quanta felicità abbiamo già regalato!

Aiutaci a fare centro anche quest’anno! Sono circa 25.000 i cani e gatti nei rifugi Enpa di tutta Italia a cui possiamo garantire il diritto a una sana alimentazione. Doniamo insieme 1 milione di pasti ai nostri amici meno fortunati!

Infografica_friskies_swing_3_1200x900

Più adozioni, meno abbandoni

Purtroppo, se da una parte sono sempre di più le famiglie che accolgono un pet, ancora troppo grave rimane il dramma dell’abbandono. I numeri sono spaventosi: ogni anno, in Italia vengono abbandonati 80 mila gatti e 50 mila cani. L’80% di questi animali rischia di morire di fame, di essere vittima di un incidente o di subire maltrattamenti; solo una piccola percentuale di fortunati trova rifugio nelle strutture dell’ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) o di altre associazioni di volontariato.

Infografica_friskies_swing_1_1200x900

Il fenomeno degli abbandoni segue un suo triste e noto calendario che presenta 2 “stagioni calde”: il periodo delle vacanze estive e quelle delle vacanze natalizie. L’incapacità di gestire il proprio pet durante le ferie è la causa principale, inaccettabile, di questa emergenza. Si calcola che tra luglio e settembre e tra novembre e febbraio, ogni giorno, vengano abbandonati circa 600 tra cani e gatti.

Infografica_friskies_swing_2_1200x900
Fortunatamente chi è colto in flagrante viene duramente punito: abbandonare un animale è un reato, punito per legge con multe che vanno dai 1.000 ai 10.000 euro e con l’arresto fino a un anno.