La salute degli amici a quattro zampe deve essere monitorata con costanza e attenzione: così come accade agli umani, anche i cani possono soffrire di disturbi che, se trascurati, provocano l’insorgere di malattie, anche gravi.

Uno dei fastidi più comuni per i cani è il mal di denti. Ecco come prevenirlo e curarlo.

 

Sin da cuccioli i cani vanno abituati ad una completa ed efficace igiene orale. Diversamente infatti potrebbero insorgere dolori e fastidi alla dentizione che, se non tempestivamente curati, potrebbero degenerare in patologie legate al fegato o al cuore.

Come per l’uomo, la causa scatenante è la placca batterica che si forma sulle gengive, infiammandole, per poi estendersi ai denti e causare dolore sino, nei casi più gravi, alla loro caduta. Anche il semplice tartaro, provocato dalla scarsa igiene orale e visibile sui denti come macchie giallo-marroni, va contrastato immediatamente per evitare la comparsa di carie. Quindi sin da quando Fido è un cucciolo bisogna adoperare lo spazzolino da denti per lui più adeguato. Può risultare utile offrirgli delle ossa di cuoio o di bue, oppure cartilagini da rosicchiare (in commercio sono disponibili di tutti i tipi e dimensioni), le quali assicurano un’adeguata igiene orale quotidiana; inoltre è possibile “viziarlo” con specifici biscottini antitartaro.

 

Nonostante le citate precauzioni, soprattutto dopo i tre anni di vita, i cani possono sviluppare infiammazioni gengivali e mal di denti: presenza di puntini neri sui denti, gengive infiammate, alito cattivo, difficoltà nella masticazione o semplicemente un rapido scatto del pet nel momento in cui gli viene sfiorata la bocca sono sintomi di fastidi odontoiatrici. Purtroppo a volte ci si accorge della problematica quando il fenomeno è già in stato avanzato: ecco perché una visita di controllo dal veterinario è sicuramente il primo passo da compiere. A volte è sufficiente una semplice pulizia dei denti, che in alcuni laboratori veterinari viene svolta anche in anestesia totale, per assicurare una completa soluzione del problema orale per l’amico cane.