E’ arrivata la bella stagione, e con i fiori brillanti nei prati sono arrivati anche le api, le vespe, i calabroni.
Vediamo cosa fare in caso di punture.

 

beesting-e1433775830906-618x416

300px-Dog_Bee_Sting

Siamo in estate e ai nostri amici a quattro zampe piace rincorrere e saltellare intorno a qualsiasi insetto si trovi a passare davanti al loro curioso sguardo. E’ quindi facile che vengano punti da api e vespe.

Per il cane la zona dove tende più facilmente ad essere punto è la faccia. L’animale infatti per giocherellare si avvicina all’insetto con il muso e potrebbe dunque essere morso su occhi, palpebre e tartufo. In molti casi potrebbe ingerire l’ape che con il suo pungiglione rilascerebbe il veleno all’interno della laringe con conseguenti gravi problemi respiratori.

Segni che il vostro cane è stato punto includono piagnucolii, bava, orticaria, prurito al volto o agli occhi e gonfiore del viso.

Punture frequenti e animali allergici potrebbero provocare il cosiddetto shock anafilattico che ha come conseguenze vomito, diarrea e difficoltà respiratorie. In tal caso l’unica cosa da fare e portarlo dal vostro veterinario di fiducia che saprà intervenire in base alla gravità dei sintomi.

blogger-image-1128240629Nei gatti invece i morsi si rilevano soprattutto sugli arti anteriori poiché tendono a giocare con la loro preda utilizzando le zampette. Il gatto potrebbe sviluppare oltre al rossore un nodulo che tende a diventare grave se il gatto inizierà a leccarlo in modo constante.

Bisogna sempre avere in casa dell’ammoniaca e delle garze oppure degli stick già pronti.

La prima cosa da fare è individuare la zona in cui l’animale è stato morso, osservandolo dove tende a mordicchiarsi o a leccarsi, preparare poi la soluzione di ammoniaca diluendola nell’acqua, non usarla pura potrebbe provocare irritazioni o vere e proprie ustioni.

Con una garza imbevuta, oppure utilizzando gli stick che si possono acquistare in farmacia, bisogna tamponare la zona dove l’animale è stato punto.
Se in casa siete momentaneamente sprovvisti di ammoniaca provate ad attenuare il dolore con del ghiaccio.