Si chiama Voyce, ed è un nuovo alleato degli amici a quattro zampe: il dispositivo sarà in grado di controllare molteplici aspetti della salute del cane.

Quando si è padroni di un cane, ci si preoccupa della sua salute almeno quanto ci si preoccupa della propria, e molte volte, durante il giorno, ci si chiede il perché dei suoi comportamenti. D’ora in poi, grazie ad un nuovo dispositivo, si potrà stare più tranquilli. Questo strumento è stato messo a punto dalla start-up i4C Innovations ed è stato esibito al CES 2014, fiera dell’elettronica attualmente in corso a Las Vegas. Stiamo parlando di Voyce, un nuovo collare che tiene sotto controllo la salute del cane. Inoltre, il dispositivo sarà d’aiuto per comprendere alcuni, talvolta inspiegabili, comportamenti dell’animale.

Voyce misurerà i principali parametri vitali, come la frequenza del respiro o quella dei battiti cardiaci, e anche altri fondamentali indicatori di salute, quali le calorie che il cane consuma nel corso della giornata, permettendo quindi di modificare, se necessario, la sua dieta, ed anche le fasi del riposo e dell’attività fisica. I dati raccolti verranno analizzati da un programma specifico, in modo da produrre una panoramica, quanto più dettagliata possibile, delle condizioni di salute dell’animale. Sarà anche possibile condividere questi dati sui social network, o con il veterinario.

Qualunque sia l’età del cane, Voyce permette la scelta delle indagini basandosi esclusivamente sui bisogni specifici dell’animale, fornendo consigli su misura, assistenza da parte di specialisti e nuove informazioni che saranno di aiuto per comprendere lo stato fisico e di benessere interiore dell’animale.

Il collare, inoltre, aiuterà a riconoscere malattie diffuse, quali le patologie respiratorie e quelle cardiache, rendendo semplice l’identificazione del disturbo in tempi brevi. Voyce è munito di batterie al litio ricaricabili, e si connette ad un software installabile su tablet, computer o smartphone.
Il dispositivo non è stato ancora reso disponibile per il commercio: per questo si dovrà infatti attendere l’estate.