Per adottare un cane è necessario tenere in considerazione molti aspetti diversi, così da compiere la scelta in maniera del tutto consapevole. Questa decisione comporta infatti molte responsabilità e anche qualche sacrificio: dunque è molto importante che sia presa senza dubbi o esitazioni, onde evitare situazioni insostenibili nel giro di qualche mese.

 

Una delle prime cose da considerare è il consenso della famiglia: tutti devono essere d’accordo, altrimenti la decisione, non essendo condivisa, potrebbe generare diversi malumori.
In secondo luogo, è bene valutare il tipo di cane da prendere in adozione, tenendo in considerazione anche lo spazio di cui si dispone a casa: se si vive in appartamento, ad esempio, è sconsigliabile adottare un cane di taglia grande.
Occorre ponderare anche il tempo che si ha da dedicare al nuovo amico a quattro zampe e i costi di mantenimento: prima di decidere di adottare un cane è bene valutare seriamente entrambi i fattori.
Infine, è da tenere in considerazione il fatto che avere un cane comporta pulizie più frequenti della casa, ma anche il possibile danneggiamento di mobili e oggetti. Prima di decidere, è quindi necessario valutare tutti questi aspetti, onde evitare sorprese: se, dopo aver considerato queste problematiche, non risultano esserci particolari impedimenti, allora si potrà adottare senza problemi un cane.

 

Il procedimento da seguire non è molto complicato: per iniziare bisogna essere maggiorenni ed avere i requisiti necessari per garantire il mantenimento dell’animale.
Quindi, si procederà con un colloquio con il veterinario e con la richiesta di adozione da inoltrare al canile.
Una volta accettata la richiesta, si inizia il percorso con un periodo di affidamento gratuito, che va dai 30 ai 60 giorni. Prima dell’affido, il veterinario in genere provvede a sverminare e vaccinare il cane.
Trascorso il periodo di prova, dopo una visita dal veterinario, che controllerà lo stato di salute dell’animale, si potrà stabilire l’adozione definitiva. A questo punto l’affidatario ne diventerà il legittimo proprietario, grazie all’iscrizione nell’anagrafe canina della regione di pertinenza.