Il Labrador Retriever è un cane dal carattere socievole, giocherellone e facilmente addestrabile, impara velocemente, ma come tutti i cani, per ben inserirsi in famiglia e nel proprio ambiente richiede un giusto addestramento.
La sua educazione deve essere costante ed equilibrata, in modo da fornirgli tutte quelle nozioni che gli permettano di vivere tranquillamente con le persone.
Se il cucciolo viene educato in modo costante si possono ottenere in poco tempo ottimi risultati senza troppa fatica.

Per fare in modo che il Labrador impari facilmente a non sporcare in casa, appena finisce il suo pasto va subito portato all’aperto, nel posto che in futuro dovrà usare per i suoi bisogni e lì si deve aspettare con pazienza sino a che avrà sporcato, quindi dopo avergli fatto i complimenti lo si riporterà all’interno.
Se ci si dovesse accorgere che il cucciolo si accuccia per fare pipì, mentre si trova in casa, lo si deve subito prendere e portarlo fuori in modo che si renda conto che quello è il posto giusto per i suoi bisogni.
Poco alla volta il cane imparerà così ad avvicinarsi alla porta ed a segnalare che deve uscire.
Quando il cucciolo incomincerà a crescere sarà buona regola portarlo fuori la mattina dopo il pasto, la sera prima di andare a dormire e qualche volta durante la giornata.

Molto importante è insegnare al cane a ben sopportare il guinzaglio, il più adatto al Labrador è quello corto con un collare tradizionale.
L’addestramento al guinzaglio si inizia verso i tre mesi, le prime lezioni non devono superare i dieci minuti, i primi giorni vanno assecondati i movimenti dell’animale, successivamente si può iniziare a tirarlo dolcemente chiamandolo, l’animale va ricompensato con dei piccoli pezzetti di cibo e con delle carezze ogni volta che agisce nel modo corretto.
E’ molto importante che il guinzaglio resti sempre lento e che il cane impari a camminare alla sinistra del proprietario, mai davanti o dietro.
Se il cucciolo rimane indietro ci si deve fermare e ripartire con un leggero strattone chiamandolo per nome, mentre se tende a tirare lo si deve superare e facendo un semicerchio riportarlo alla giusta posizione.
Dopo due o tre mesi, quando il Labrador si sarà abituato al guinzaglio lo si potrà portare anche in strade affollate in modo che si abitui alla confusione ed alla gente.

Il cucciolo deve anche imparare a rispondere al suo nome, le prime volte ci si nasconde e lo si chiama ed appena arriva lo si gratifica con dei complimenti o dei piccoli premi, non lo si deve però legare subito perchè si rischia che abbini il richiamo alla costrizione del guinzaglio.
Se non dovesse rispondere allora si va nella direzione opposta alla sua e si continua a chiamarlo sino a che non arriva.
Se si chiama il cane dopo che ha combinato un guaio non lo si deve mai punire appena arriva perchè assocerebbe il suo nome alla punizione.