Arriva dagli USA un nuovo strumento per capire i cani in maniera più semplice e per comunicare con loro in modo efficace. L’Università del North Carolina ha sviluppato una pettorina tecnologica in grado di codificare i segnali dei comportamenti dei cani e migliorare appunto la comunicazione con loro.

cani

 

Ha spiegato David Roberts, uno dei ricercatori dell’università statunitense, che la nuova pettorina tecnologica “consente la comunicazione tra essere umani e cani con la mediazione del computer, che apre la porta a nuovi modi per interpretare i segnali comportamentali dei cani e inviare di conseguenza all’animale indicazioni chiare e univoche”.

La pettorina tecnologica, sulla quale saranno effettuati nuovi test per affinarne le potenzialità, consente una comunicazione efficace bidirezionale con i cani: dunque è possibile comprendere meglio i loro segnali ed anche inviare a loro messaggi precisi.
Questa doppia comunicazione consente di ipotizzare un impiego della pettorina in contesti delicati come quello dei cani da soccorso e per non vedenti, in modo da ampliare le loro potenzialità ed il controllo su di essi.

Chiarisce il dott. Roberts: “siamo in grado (con la pettorina, ndr) di determinare quando il cane è seduto, in piedi, corre, eccetera, anche se non lo stiamo vedendo. Sono inoltre inclusi altoparlanti e motori vibranti, che servono all’uomo per comunicare con il cane mediante un software che raccogliere, interpreta e converte le richieste umane in un segnale nella pettorina”.