Non solo protagonisti di numerosi telefilm e cartoni animati, ma veri e propri eroi a quattro zampe.

I cani poliziotto aiutano ogni giorno le forze dell’ordine nella lotta contro il crimine organizzato e svolgono una funzione fondamentale nella ricerca di persone scomparse.

WCENTER 0WKIAJQCJL  -  ( gino mancini - 6V5A9574.jpg )

In quale modo si diventa cani poliziotto?

I cani poliziotto italiani che intraprendono l’ “attività” hanno un’età compresa tra i 12 e i 30 mesi e provengono da allevamenti nazionali ed europei.

Per capire se gli animali sono pronti a svolgere il lavoro che dovranno affrontare, vengono sottoposti ad una serie di prove psico-attitudinali e a scrupolose visite mediche.

Una volta accertata l’idoneità, il cane viene assegnato ad un allievo conduttore, con il quale si cerca di stabilire un legame basato su complicità e intesa, così che si possa formare uno stretto rapporto di collaborazione tra le due parti.

I due frequenteranno insieme un corso di qualificazione, al termine del quale verrà costituita l’unità cinofila pronta ad entrare in attività.

Quali sono le razze scelte per i cani poliziotto?

Il pastore tedesco è considerato il cane poliziotto per eccellenza, poiché possiede straordinarie abilità investigative.

Tuttavia anche altre razze di cani sono ugualmente valide: i rottweiler, ad esempio, sono ottimi nella tutela dell’ordine pubblico; i labrador possiedono un fiuto eccezionale (fiutano senza problemi sostanze stupefacenti, armi, esplosivi) e i pastori belgi malinois hanno doti olfattive superiori alla media.

E’ possibile adottare un cane poliziotto?

Dopo aver prestato servizio per diversi anni, l’animale ha il diritto di andare in pensione.

Generalmente il cane viene affidato al collega umano al fianco del quale ha lavorato.

Nel caso in cui l’uomo non possa occuparsene, il cane poliziotto viene dato, invece, in adozione.

Gli ex cani poliziotto possono essere adottati sia da privati cittadini che da associazioni.

Coloro che intendono chiedere l’adozione devono, però, avere esperienza con cani da guardia o da difesa.
Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito della Polizia di Stato, nel quale vengono regolarmente pubblicate le schede, con tutte le informazioni sul cane e sulle sue caratteristiche.