Tra cani e bambini può nascere un rapporto dolce, carico di amore e di sorrisi. La relazione tra un cucciolo d’uomo e un cucciolo di cane, affinchè possa svilupparsi nel migliore dei modi, ha bisogno certamente di alcuni accorgimenti e regole, che devono avere origine dalle scelte, soprattutto in termini di educazione, che un genitore trasmette ai due “fratellini”.

 

Petsparadise ha approfondito la costruzione del rapporto tra cani e bambini intervistando Giulia Cappelletti, educatore cinofilo e operatore di pet therapy (che ha partecipato allo speciale “Zampe Amiche”).

 

Giulia Cappelletti
Giulia Cappelletti, educatore cinofilo ed operatore di Pet Therapy

Si può far crescere un neonato a contatto con un amico a quattro zampe oppure c’è una età consigliata nella quale avvicinare bambini e cani?

Se si possiede già un cane ed in casa viene accolto un bambino, è utile che molta attenzione venga riservata all’amico a quattro zampe affinché il pet non percepisca l’arrivo del bebè come una perdita totale di attenzione dei suoi confronti da parte del padrone. Se invece ancora non si possiede un cane allora consiglio di aspettare che il bambino cresca un po’ prima di adottare un cagnolino. I bambini fino ai 6/7 anni non riconoscono il senso di responsabilità. Bisogna quindi educare fin da subito i bambini a prestare la massima attenzione a certi comportamenti, come non distrubare i cani mentre mangiano o non dargli fastidio mentre dormono.

 

Meglio che anche il cagnolino sia un cucciolo o non fa differenza l’età del cane nel rapporto con il bambino?

C’è assolutamente differenza. Un cane anziano, che ha vissuto gran parte della sua vita e non è abituato a vivere a contatto con un bambino, deve essere maggiormente tutelato in quanto potrebbe vivere il nuovo rapporto in maniera più problematica. Anche adottare un cucciolo non è sempre la soluzione migliore per instaurare un ottimo rapporto con un bambino: innanzitutto la gestione di un cucciolo richiede molta fatica fisica e maggior impegno nella fase educativa. Insomma adottando cani cuccioli significa prendersi un “doppio carico”oltre ai bambini, ed è giusto chiarire che non è semplice. Inoltre è assolutamente sconsigliato lasciare i bambini piccoli soli con i cani cuccioli: sarebbe quasi come affidare un bambino ad un altro bambino.

 

Quali sono i principali benefici nel rapporto tra bambini e cani?

I maggiori benefici si hanno quando viene impostata una corretta relazione dai genitori. È importante dedicare tempo e impegno nella costruzione del rapporto tra i due piccoli; non sempre lo spontaneismo dona benefici.

 

Serve una educazione specifica nella costruzione del rapporto bambini e cani?

Assolutamente si. Molto spesso purtroppo il cane viene considerato un “oggetto”. Serve educazione al rispetto per l’amico a quattro zampe ed a riconoscere l’animale come un soggetto. Tutto il resto arriva di conseguenza.

 

Esistono razze di cani più adatte per questo percorso di crescita con i bambini?

No. Ogni cane ha il suo carattere e dunque dipende esclusivamente dal soggetto e dalla sua educazione.

 

[Guarda la tenerissima fotogallery sul rapporto tra cani e bambini]

 

Samuele Tramontano