Mancava poco all’eutanasia del povero Derby, un cane americano (del New Hampshire) che dalla nascita ha una malformazione che non gli consente di camminare.

cane derby

Come può essere stato salvato da una stampante 3D? Incredibile, vero? Eppure è successo.
I suoi primi padroni lo avevano lasciato al rifugio Peace and Paws, abbandonandolo a morte certa dopo aver perso ogni speranza di salvezza per il loro cane, che sembrava dunque avere il destino segnato. Derby non riusciva a camminare autonomamente, aveva bisogno di un monitoraggio costante.

 

È stata Tara Anderson, che lavora presso la 3D Systems (in Massachusetts) a farsi carico delle cure di questo cane. Sembrava una missione impossibile, invece la signora Anderson ha elaborato proprio per Derby un progetto innovativo che, servendosi delle stampanti 3D, ha condotto alla creazione di protesi ad hoc per le sue zampe anteriori.

cane derby

Un miracolo tecnologico, che ha permesso ora a Derby di trovare entusiasmo ed una nuova famiglia, con la quale vive felicemente.
Spero – ha spiegato Anderson – che questa tecnologia possa aiutare altri cani nati con delle malformazioni o vittime di incidenti, perché la diversità non dovrebbe essere una condanna“.

 

 

Samuele Tramontano