Una vicenda che ha sconvolto quella dell’attentato avvenuto il 18 marzo al Museo Bardo di Tunisi e che rappresenta l’ennesimo attentato da parte dei terroristi.

Cane poliziotto tunisi

Si contano oltre 20 morti, tra i quali 4 italiani. Tra le vittime anche un cane poliziotto di nome Akil, un pastore tedesco di un anno e mezzo entrato all’interno del Museo con la  brigata cinofila della polizia tunisina.

Al termine delle operazioni le forze speciali hanno portato via il pastore tedesco tra gli applausi della folla che lo ha eletto “cane eroe”.

Un altro amico a quattro zampe che ha perso la vita nel tentativo di aiutare con coraggio gli umani.