Prima che arrivi il grande freddo è opportuno seguire alcune indicazioni per garantire agli animali domestici una pelliccia folta e “a prova di basse temperature”.

Una tosatura totale dell’animale non è mai una scelta saggia, nemmeno in estate, poiché il pelo isola il corpo sia dal grande caldo sia dal grande freddo.

Per nutrire il vello si trovano comunemente in commercio una quantità illimitata di prodotti da somministrare al pet, per via orale o mediante massaggi localizzati. Ad esempio ci sono degli ottimi balsami da spalmare sul pelo per renderlo non solo più lucente e morbido, ma per nutrirlo in profondità e ristabilire l’equilibrio epidermico perfetto.

È fondamentale curare l’alimentazione, perché la buona salute del manto è strettamente collegata agli elementi della dieta. È possibile proporre all’amico a quattro zampe cibi che contengono buoni quantitativi di acidi grassi, come gli omega 3 e gli omega 6, oppure proseguire con la solita alimentazione rafforzata da integratori che contengano i citati nutrienti.

 

I cani a pelo duro possono essere sottoposti a fine estate allo stripping. Si tratta di una tecnica innovativa e molto efficace che consiste nel rimuovere tutto il pelo morto. L’epidermide del pet sarà così stimolata a produrre nuovo pelo, che andrà a sostituirsi a quello accuratamente estirpato. In questo modo il cane sarà pronto ad affrontare la stagione fredda nel migliore dei modi, con un manto più folto che lo proteggerà dalle basse temperature.

È una operazione che deve essere eseguita necessariamente da un professionista del settore, per evitare di asportate intere zone di pelo ancora vivo e provocare dolore nell’animale ma soprattutto per non renderlo più vulnerabile alle infezioni cutanee.