Ciò che è accaduto ad Ontario, in Canada, ha davvero dell’incredibile: la legge ha dichiarato pericoloso per la collettività la piccola cagnolina Molly, un chihuahua di appena 1,3 kili, accusata di aver “quasi morso” il postino, che avvicinandosi alla soglia di casa di Mitzie Scott, padrone di Molly, per consegnare la posta ordinaria, ha probabilmente indispettito il cane, cosiddetto “da borsetta” per le sue ridottissime dimensioni, che considerandolo una presenza inquietante ha reagito aggredendolo.

L’increscioso episodio ha talmente spaventato, o per meglio dire, adirato, il postino che ha denunciato il fatto alle autorità, trascinando così in tribunare il povero padrone del “terribile” cane, quest’ultimo colpevole di aver quasi “azzannato” con i suoi affilati canini, la gamba del portalettere, ma in realtà semplicemente responsabile di aver casato qualche piccolo graffio superficiale.
Ancora una volta la severa legge è accorsa in aiuto della vittima. La decisione è stata confermata dopo il ricorso del proprietario della cagnetta. Il giudice ha infatti intimato a Mitzie Scott di munire il piccolo Molly di museruola ogni qualvolta il cane venga a contatto con il pubblico. Inoltre il proprietario dovrà assicurare il cane con una cospiqua polizza da un milione di dollari canadesi (circa 950 mila franchi) creata appositamente per i cani pericolosi e dovrà appendere alla porta di casa un cartello che avvisa dell’incombente pericolo.
L’indiganzione del padrone, Mitzie Scott, è facilmente comprensibile: «Non credo nemmeno esistano museruole di quella taglia. È qualcosa di estremamente stupido. Il cane pesa letteralmente 1.3 chili ed è grande quanto la scarpa di un adulto.»
E il postino, a quale terribile conseguenza ha dovuto far fronte? Alla sola fatica di doversi spalmare, per qualche giorno, una crema antibiotica.
Perciò “attenti al cane” il chihuahua è da ora ufficialmente dichiarato cane pericoloso, anzi pericolosissimo!