Vi ricordate lo spot dei 10.000 passi al giorno, tanto in voga qualche anno fa? Beh, oggi il contapassi non serve solo a tenere in forma noi, ma anche i nostri amici cani!

La moda salutista si è ormai diffusa anche a loro; del resto, i rischi per la salute legati all’obesità sono noti e concreti. D’altro canto non sempre, nella nostra routine quotidiana, abbiamo abbastanza tempo da dedicare a Fido ed alla sua forma fisica, magari con una bella passeggiata.
Per metterci a posto (almeno in parte) la coscienza sono oggi disponibili sul mercato diversi tipi di contapassi per cani. Si tratta in genere di piccoli apparecchi da agganciare al collare del cane, che ne monitorano i movimenti. I modelli più semplici hanno un costo che si aggira sui €10 e l’unica funzione di contapassi, ma ne esistono anche varianti più sofisticate in grado di tenere memoria delle caratteristiche del nostro quattrozampe (razza e dimensioni) e del movimento fatto negli ultimi giorni, in modo da tenere d’occhio l’andamento generale; il prezzo però in questo caso sale fino ai €50.
L’ultima novità in questo campo è però quella recentemente presentata da Fujitsu: si tratta di un vero e proprio mini-computer da attaccare al collare, chiamato “Wandant”. Le sue funzioni comprendono il contapassi, in grado di rilevare anche quando il cane sta saltando o sta semplicemente muovendo il capo, e la misurazione costante della temperatura corporea. Inoltre è possibile inserire razza, peso e quantità di cibo: mettendo insieme tutte queste informazioni il dispositivo potrà dirci se siamo sulla strada giusta o se stiamo rischiando di ritrovarci con una cane obeso!
Tutto ciò anche a distanza: le informazioni saranno infatti inviate ad un Cloud, dal quale il proprietario potrà scaricarle su pc o su smartphone Android e seguire così letteralmente passo a passo quel che il cane fa mentre è a casa da solo. Il prezzo del dispositivo, che per ora è venduto solo in Giappone ma raggiungerà presto America ed Europa, non è stato reso noto, ma l’abbonamento al servizio avrà un costo mensile.
Gli unici limiti riguardano il cane, che non deve essere troppo piccolo: deve avere almeno 6 mesi d’età e le zampe lunghe almeno 15 centimetri.