I cani robot probabilmente sostituiranno il migliore amico dell’uomo nelle case di tutto il mondo in meno di un decennio, o almeno questo è quello che ha affermato il ricercatore di benessere degli animali, il dr. Jean-Loup Rault. Egli si aspetta che nell’universo sovrappopolato che verrà a crearsi animali domestici in carne e ossa diventeranno un lusso e le famiglie riusciranno a instaurare un vero e proprio contatto emotivo con i pets virtuali e meccanici.

cane robot 1

 

Può sembrare surreale per noi l’avere animali domestici robot o virtuali, ma potrebbe essere del tutto normale per le generazioni future” ha aggiunto il ricercatore dell’Università di Melbourne in Australia.

La robotica animale ha percorso una lunga strada dalla mania del Tamagotchi della metà degli anni ’90. In Giappone, la gente sta diventando così attaccata ai propri cani robot che organizzano dei funerali per loro quando i circuiti smettono di funzionare“.

Sulla rivista Frontiers of Veterinary Science Rault ha sostenuto anche che gli animali domestici robotici possono sollevare importanti questioni etiche relative al benessere degli animali.

Ovviamente gli esemplari elettronici possono essere l’ideali per coloro che soffrono di allergie, dispongono di poco spazio o hanno paura degli animali in carne ed ossa, ma la loro presenza come influirà sul modo in cui gli esseri umani si preoccupano per gli altri esseri viventi?

cane robot

 

Già ci sono esempi di robot animali come il cane Sony Aibo, che i bambini trattano come se fosse un quattro zampe vivo: la ricerca ha dimostrato che tendono a conferire ad Aibo uno stato a sé stante, a metà strada tra un essere vivente e un oggetto.

Paro, un cucciolo di foca robotico, viene utilizzato terapeuticamente negli Stati Uniti e mondi virtuali che hanno come protagonisti gli animali hanno già attirato un grande seguito (HappyFarm ha fino a 23 milioni di utenti al giorno)… Che i pets robotici siano davvero il futuro?