Andare a correre con il proprio cane è un’ottima occasione non solo per permettere all’amico peloso di fare attività fisica e socializzare, ma è anche un momento utile per il padrone per mantenersi in forma.

Correre con Fido è quindi un’attività salutare e ricreativa, ma bisogna sempre prendere alcune piccole precauzioni e rispettare le indicazioni generali per fare in modo che questa opportunità di benessere non diventi invece stressante per il cane o per il proprietario.

 

Innanzitutto assicurarsi che il cane sia in ottima salute e, qualora sia in età avanzata, verificare che non corra rischi sotto sforzo: per questa ragione è necessario il preventivo parere del veterinario.
Nella corsa il cane deve essere libero, cioè senza guinzaglio, e per questo è importante scegliere un percorso dove l’amico a quattro zampe non rischi di perdersi o farsi male.

Riconoscere se e quando Fido desidera correre è compito del padrone: non è vero che a tutti i cani piace fare corsette al parco, specialmente a quelli di taglia massiccia, come il bulldog inglese, di indubbia indole piuttosto sedentaria. Infatti è indispensabile che l’attività fisica sia per lui un momento di divertimento e non un dovere.

Occorre prestare attenzione alle condizioni ambientali: in estate, ad esempio, è chiaramente consigliabile correre con il pet nelle ore più fresche, la mattina molto presto o in serata, quando il sole non è a picco e le temperature sono sopportabili.

Per le donne amanti del jogging, inoltre, il cane rappresenta una forma di protezione: la sera, ad esempio, correre in luoghi poco frequentati o solitari con il pet può contribuire a tenere lontani eventuali malintenzionati.