La “città dei gatti” si trova a Houtong, nelle vicinanze di New Taipei, Taiwan. Abbandonata dopo gli anni Settanta, la cittadina mineraria ha trovato nei gatti i suoi nuovi inquilini attirando anche un nuovo tipo di turismo.

 

Houtong, Taiwan. Grande polo industriale di estrazione del carbone negli anni Settanta, ha subito l’abbandono in seguito a direttive statali sulle risorse energetiche che indussero gli abitanti a cercare lavoro altrove. La città si svuotò in poco tempo ma non rimase disabitata a lungo. Tra gli animali che presero il sopravvento su strade, palazzi e giardini, le colonie di gatti divennero numerosissime e ne fecero la loro casa.
Il fenomeno della “città dei gatti” di Taiwan rimase quasi sconosciuto al resto del mondo fino al 2008, quando un gruppo di turisti pubblicò su internet un video fotografico della località in cui gatti di tutte le razze scorrazzavano tranquillamente tra le vie della cittadina. Dal momento della diffusione di queste incredibili immagini un flusso inarrestabili di turisti e curiosi visita le strade di Houtong. I gatti vivono liberamente e i pochi residenti della cittadina si sono sempre occupati delle loro necessità primarie e delle cure indispensabili per evitare epidemie.

 

La notizia di questo luogo ha fatto il giro del mondo e ora i gatti dispongono ancora di più cure e attenzioni da parte di volontari e appassionati. Il numero dei gatti però è in continuo aumento anche per il fenomeno dell’abbandono di gattini da parte di persone che abitano in altre città e “approfittano” della situazione.
Certamente la città ha trovato nuova vita in questa strana forma di turismo composto per lo più da appassionati di gatti e gli abitanti hanno tratto beneficio dalla nuova opportunità di business.

 

Guarda il video “Houtong, la città dei gatti”