L’Ente Nazionale Protezione Animali (ENPA) ha inviato una diffida al Comune di Palermo, all’Asl e allo spazio Zisa per chiedere la cancellazione e/o l’annullamento della mostra di Herman Nitsch “Teatro delle Orge e dei Misteri” a Palermo.

Herman-Nitsch
Herman Nitsch, celebre artista austriaco, contestato per le foto choc di corpi di animali nella sua mostra “Il Teatro delle Orge e dei Misteri”

Il personale di Nitsch dal titolo “Das Orgien Mystherien Theater” è in programma a Palermo dal 10 luglio al 20 settembre proprio presso lo spazio Zisa.

La mostra, già bandita da Città del Messico, prevede infatti la messa in scena di un lungo e raccapricciante elenco di aberrazioni che comprende – tra gli orrori rappresentati – l’esibizione di corpi animali crocifissi, squartati e orrendamente mutilati.

Una vera e propria rassegna dell’orrore dunque, che, secondo l’ENPA e secondo migliaia di cittadini indignati, oltre a configurare la violazione di numerose normative, non deve avere alcun diritto di cittadinanza in un Paese civile ed in una città dalla lunga e gloriosa tradizione artistica.

“Dai cani randagi di Jan Fabre alla pecora di Hirst fino ad arrivare alla tristemente nota Katinka Simonse, stiamo ormai assistendo ad una vera e propria “degenerazione”, dichiara la presidente nazionale di ENPA, Carla Rocchi.

Insomma, ci troviamo di fronte ad una squallida rincorsa all’orrore. “Ed è inaccettabile – prosegue Rocchi – che istituzioni e autorità pubbliche decidano di parteciparvi, avallando iniziative di questo genere. Mi auguro che esse ascoltino e rispettino la volontà dei cittadini, e blocchino lo scempio in programma dal 10 luglio a Palermo.

L’ENPA è pronta ad intervenire anche con altre iniziative affinché a questo personaggio non sia data la possibilità di calpestare la dignità degli animali e la sensibilità dei palermitani. Il tutto ancora una volta lucrando sulla pelle degli animali”.

Clicca qui per firmare la petizione contro la mostra di Hermann Nitsch a Palermo.

Petsparadise ha scelto di non pubblicare il video della mostra Teatro delle Orge e dei Misteri a causa delle immagini scioccanti in esso contenute.