zoo3

Per chi vive in città, soprattutto per i bambini, l’unico modo che si ha per vedere da vicino gli animali è quello di andare allo zoo. Se da una parte lo zoo ha uno scopo educativo dall’altro, purtroppo, a rimetterci sono i suoi ospiti che pur vivendo in habitat che ricreano quello naturale, trascorrono anni in cattività.

Quando sui giornali leggiamo notizie riguardanti gli zoo spesso ci troviamo davanti a situazioni in cui gli animali vengono maltrattati e soffrono. Stavolta però, finalmente, condividiamo una buona notizia che farà piacere a tutti.

Lo zoo di Buenos Aires dopo 140 anni di attività chiude, anzi per meglio dire riaprirà in una nuova veste. Verrà trasformato in un eco parco e gli animali saranno liberati. Più o meno 1500 esemplari potranno finalmente tornare nel loro habitat all’interno di riserve naturali già esistenti nel Paese.

L’idea è venuta in mente al sindaco della capitaleHoracio Rodríguez Larreta, il quale ha commentando la chiusura dello zoo, dichiarando che tutti gli animali dovrebbero vivere nel loro habitat naturale, e non rinchiusi: “la cattività è degradante, non è il modo giusto di amarli”. Per questo motivo la struttura sarà smantellata e ristrutturata: il vecchio zoo Palermo diventerà un parco ecologico e molti animali saranno liberati e trasferiti nelle riserve naturali.

Nel video qui sotto Larreta annuncia la sua “decisione storica” e informa i giornalisti che al posto dello zoo ci sarà un parco tecnologicovirtuale e interattivo che coinvolgerà i bambini sensibilizzandoli alla questione animale.

L’eco-parco sarà di 44 ettari e sarà inaugurato entro il 2017. Chissà se quello di Buenos Aires sarà un precedente per altre iniziative simili.