Sono davvero meravigliose le storie di animali che tornano a casa dopo molti anni.
Eccone qui di seguito tre di altrettanti pets davvero sorprendenti.

 

1. Qualche giorno fa ha sorpreso i lettori la storia della tartaruga Tina, tornata a casa dal suo padrone: Gianfranco Olzi, dopo 58 anni. L’uomo aveva ricevuto l’animale in regalo dal padre quando era piccolo e, insieme al fratello, aveva dipinto una parte del suo guscio di rosso, per non perderlo. Nonostante ciò Tina dopo poco tempo ha deciso di “concedersi una lunga vacanza”. Qualche giorno fa l’uomo si è imbattuto nella tartaruga sulla strada di casa; l’ha riconosciuta grazie al guscio dipinto di rosso. L’ha dunque regalata ai suoi nipoti che l’hanno messa al sicuro per non farla scappare di nuovo.

tartaruga tina storie meravigliose animali
Tina con il suo padrone

 

 

gatto vaino finalndia storie meravigliose torna a casa
Vaino con il suo padrone

 

2. Come la tartaruga, anche altri animali domestici sono tornati a casa dopo molti anni compiendo viaggi avventurosi. Alcuni forse siricordano di Vaino, il gatto finlandese che si era perso in Lapponia durante una vacanza insieme ai suoi padroni. Dopo 130 giorni e 800 chilometri è riuscito a ritrovare la strada di casa.

 

 

 

 

 

 

3. Forse conosceva la strada avendola percorsa in camper insieme alla sua famiglia; ma come si spiega il ritorno del cane Prince dalla sua padrona americana Myrna? La donna aveva cambiato quattro case, prima di sistemarsi nell’abitazione dove ha potuto riabbracciare il suo fedele amico. Il cane non conosceva la strada perchè non aveva mai vissuto lì.

prince cane storie meravigliose torna a casa
Prince

 

 

A queste meravigliose storie di animali la scienza non ha ancora fornito risposte esaurienti. Alcuni ricercatori hanno ipotizzato che alcuni animali vengano guidati da campi elettromagnetici e che, grazie al loro udito ed olfatto riescano a creare mappe mentali del territorio che li circonda. Non si spiega però come possano coprire lunghe distanze o raggiungere il padrone in luoghi dove non sono mai stati. Il giornalista Francesco Lamendola scrive che, come alcune popolazioni indigene avvertono la morte di un parente che si trova a centinaia di chilometri di distanza, così forse anche alcuni animali tornano a casa dal loro padrone affidandosi ad una comunicazione telepatica.

 

 

Sonia Colombo